Amare se stessi

Amarci guarisce e ci fa felici. Ed è il miglior regalo che possiamo offrire agli altri...!!!

separador

Il testo che segue fu scritto da Facundo Cabral:

Non sei depresso, sei distratto, ignaro della vita che ti popola. Inavveduto della vita che ti circonda: delfini, boschi, mari, montagne, fiumi. Non cadere dove cadde tuo fratello, che soffre per un essere umano quando al mondo ce ne sono 5.600 milioni.

Foto del cantautore Facundo Cabral

Inoltre vivere da soli non è poi cosí male. Io sto bene, decido ogni momento ciò che desidero fare e grazie alla solitudine mi conosco: fondamentale per vivere.

Non cadere dove è caduto tuo padre, che si sente vecchio perché ha 70 anni, dimenticando che Mosè guidava l’esodo a 80 anni e Rubinstein interpretava come nessuno Chopin ai 90. Solo per citare due casi noti.

Non sei depresso, sei distratto, per questo credi d’aver perso qualcosa, ma è impossibile, perché tutto ti fu dato. Non hai creato nemmeno un capello della tua testa quindi non puoi essere padrone di nulla. Inoltre la vita non ti priva di cose ma ti libera, di cose. Ti alleggerisce affinché tu possa volare più in alto, affinché tu raggiunga la pienezza. Dalla culla alla tomba è una scuola, per questo quelli che chiamiamo problemi sono lezioni.

Non hai perso nessuno, chi è morto semplicemente ci ha anticipati, perché è lí che andiamo tutti. Inoltre il meglio di questa persona, l’amore, si perpetua nel tuo cuore. Chi potrebbe dire che Gesù è morto? Non c’é morte: c’é trasloco. E dall’altra parte ti attende gente meravigliosa: Gandhi, Michelangelo, Whitman, Sant’Agostino, Madre Teresa, tua nonna e mia madre che credeva che la povertà è piú vicina all’amore, perché il denaro ci distrae con troppe cose e ci allontana perché ci fa essere diffidenti.

Fai solo ciò che ami e sarai felice, colui che fa ciò che ama è benedettamente condannato al successo il quale arriverà quando deve arrivare, perché ciò che deve essere sarà, e arriverà naturalmente. Non fare nulla per obbligo né per compromesso, bensì per amore. Allora ci sarà pienezza e in questa pienezza tutto è possibile. Non ci sarà sforzo perché è la forza naturale della vita a muoverti, quella che mi ha sostenuto quando cadde l’aereo con mia moglie e mia figlia; quella che mi mantenne vivo quando i medici mi diagnosticarono 3 o 4 mesi di vita.

Dio ti mise a carico un essere umano, sei tu stesso. Devi farti libero e felice, poi potrai condividere la vera vita con gli altri.

Ricorda Gesù: “Ama il prossimo tuo come te stesso”. Riconciliati con te stesso, mettiti davanti allo specchio e pensa che questa creatura che stai vivendo è opera di Dio; decidi ora stesso di essere felice perché la felicità si impara.

Inoltre, la felicità non è un diritto ma un dovere, perché se non sei felice, amareggi tutti quelli che ti amano. Un solo uomo che non ebbe né talento né coraggio per vivere, fece ammazzare sei milioni di fratelli ebrei.

Ci sono tante cose per le quali gioire e il nostro passaggio sulla terra è cosí breve che soffrire è una perdita di tempo. Possiamo gioire della neve dell’inverno e dei fiori della primavera, del cioccolato di Perugia, della baguette francese, dei tacos messicani, del vino cileno, dei mari e dei fiumi, del calcio dei brasiliani, delle Mille e una Notte, della Divina Commedia, del Don Chisciotte, di Pedro Páramo, dei boleros di Manzanero e delle poesie di Whitman, di Mahler, di Mozart, Chopin, Bethoven, Caravaggio, Rembrant, Velásquez, Picasso e Tamayo fra le tante meraviglie.

E se hai il cancro o l’AIDS, possono succederti due cose ed entrame sono buone; se vieni vinto, ti liberi del corpo che è così fastidioso: ho fame, ho freddo, ho sonno, ho voglia, ho ragione, ho dubbi…E se vinci tu, sarai umile, più riconoscente, per questo facilmente felice. Libero dal tremendo peso della colpa, della responsabilità, della vanità, disposto a vivere ogni istante profondamente, come deve essere.

Foto di una bambina sorridendo

Non sei depresso, sei sfaccendato. Aiuta il bambino che ha bisogno di te, questo bambino sarà amico di tuo figlio. Aiuta gli anziani, i giovani ti aiuteranno quando lo sarai. Inoltre, il servizio è una felicità sicura, come gioire della natura e prendersene cura per chi verrà. Dai senza misura e ti verrà dato senza misura.

Ama fino a diventare l’amato, e ancor più fino a diventare l’amore stesso. Che non ti confondano assassini e suicidi, il bene è in maggioranza ma non si nota perché è silenzioso, una bomba fa più rumore che una carezza, ma per ogni bomba ci sono milioni di carezze che alimentano la vita.

Link al sito web di Facundo Cabral

Traduzione di Chiara Franchini
  1. Osvaldo Pitingolo ha detto:

    GRAZIE FACUNDO CABRAL… semplicemente meraviglioso!!!

    In tanti non ti conoscono… Non meritavi la morte che hai avuto, purtroppo non ci sei più tra di noi fisicamente, ma come si suol dire, “le vie del signore sono infinite”… ci hai lasciato una filosofia, una ricetta e una profontità di vita impossibile da dimenticare!!!

    Grazie anche a la traduzione di Chiara Franchini.

  2. Monica ha detto:

    Bravo, non ho parole per descrivere questo canto che ha estrapolato le varie forme di depressione fino a minimizzarle.

  3. Anna ha detto:

    Un poema, un inno all’amore e alla vita.

    Sono troppo commossa e non riesco a trovare le parole per esprimere quello che sento dentro di me. Solo grazie, grazie e grazie a un grande poeta che ascoltandolo ti fa sentire più vicino a Dio.

  4. Anna ha detto:

    Non c’e’ 1 solo rigo dove non si legge l’amore…tutto quello che ha scritto e’ 1 inno all’amore, di chi ama profondamente la vita e ringrazia Dio per il grande dono ricevuto. Grande poeta! Ringrazio voi per avermi dato oggi la possibilita’ di capirlo al meglio.

  5. Mimmo ha detto:

    Non ho parole per dire quanto è bello quello che si legge quì…

  6. Nando ha detto:

    Grazie della traduzione. Posso inviarla a amici che non capiscono lo spagnolo. Per me è stata una bella scoperta proprio quando doveva finire il mondo. Oltre le parole anche la vita di quest’uomo sono un esempio di vita e possibilità infinite che ogni nostra vita ci offre. E allora viviamola mordiamola, lasciamo ogni paura e pigrizia!! Adelante!

  7. Daniela Siculi ha detto:

    Grazie… profondamente… grazie… per aver pubblicato tante verità tutte insieme per essere strumento di Dio in un giorno in cui mi sento tanto abbattuta… grazie…

line