Amare se stessi

Amarci guarisce e ci fa felici. Ed è il miglior regalo che possiamo offrire agli altri...!!!

separador
Un bambino che vola (Titolo: Air; Autore: Fiddleoak)
Immagine di Fiddleoak

Sicuramente molte persone, anche se non si interessano nello specifico a temi “spirituali”, sarebbero d’accordo con questo proverbio:

  • Vigila i tuoi pensieri, perché si trasformeranno in parole. Vigila le tue parole, perché si convertiranno in atti. Vigila i tuoi atti, perché diventeranno le tue abitudini. Vigila le tue abitudini, perché forgeranno il tuo carattere. E vigila il tuo carattere perché questo costruirà il tuo destino.

Foto di un uomo giovane che sorride, rilassato

Un’idea un poco più “audace” su come creiamo la nostra stessa realtà è quella che propone la “Legge d’Attrazione”: in ogni momento stiamo attraendo nella nostra vita il tipo di situazioni che rinforzano il nostro stato d’animo. Se ci sentiamo bene, attraiamo situazioni che ci fanno sentire bene; se ci sentiamo male, attraiamo situazioni che ci fanno sentire male.

Dall’altra parte, Un Corso in Miracoli ci dice che il mondo che percepiamo è una costruzione del nostro ego, che fa le correzioni necessarie affinché l’idea della separazione (da Dio e dai nostri fratelli) ci appaia reale. Attraverso il perdono possiamo cambiare questo sogno, in cui ci mantiene l’ego, un “sogno felice” dal quale è facile svegliarsi e diventare coscienti della nostra vera natura.

E infine, la tecnica hawaiana dell’ “Ho’oponopono” sembra sfidare la nostra capacità di comprensione: tutte le circostanze che fanno parte della nostra vita, anche solo se si tratta di una notizia riguardante un qualcosa che succede lontano, sono la proiezione di una parte della nostra mente. Siamo completamente responsabili di tutto ciò che succede nel nostro mondo…

Assumendo che siamo in possesso di questo infinito potere creatore, ti propongo un’altra descrizione di come funziona il processo di creazione della nostra personale realtà, ma in questo caso incentrata sul tipo di relazione che abbiamo con noi stessi:

Se non siamo conformi a chi siamo, se abbiamo un’opinione negativa su noi stessi o se ci critichiamo sempre, vale a dire, se ci trattiamo senza amore, questo accumulo di giudizi negativi ci condurrà inevitabilmente a sperimentare colpa. Nel sistema di credenze dell’ego, alla colpa corrisponde un castigo; e per fare in modo che la nostra vita si adegui a questa percezione errata che abbiamo di noi, modificheremo la nostra realtà (in maniera incosciente) per ricevere effettivamente questo castigo, il quale ci giungerà sotto forma di conflitti, insuccessi o infermità…

Foto di una bambina che ride

ma se ci sentiamo a nostro agio così come siamo, se abbiamo una relazione salutare con noi stessi, se siamo capaci di vederci amorevolmente in qualsiasi circostanza, cioè, se ci amiamo incondizionatamente, allora ci sentiremo per natura meritevoli di ogni bene, qualsiasi cosa desideriamo. Esercitando la nostra miracolosa facoltà di creare, faremo sì che la nostra vita rifletta la pienezza, il benessere e l’amore che abbiamo precedentemente coltivato nella nostra interiorità.

Axel Piskulic

Traduzione di Chiara Franchini

Infine, un video illuminante (che in realtà è una pubblicità), che ci ricorda attraverso situazioni diverse che ciò che ci provoca timore e che può arrivare a paralizzarci, normalmente non ha una reale esistenza… è solo un’illusione che smette di tormentarci quando ci decidiamo ad affrontarla.

Commerciale “Scrollati. Cambia.” di Falabella

Il tasto “CC” disattiva i sottotitoli 

  1. Germana ha detto:

    Bellissimo tutto ciò, ma concretamente come ci arrivo?

line